RSS

Archivi tag: Fidelizzazione

WhatsApp e Direct Marketing: ottimo ma… Case Hystory!


WhatsApp, la famosissima ed estremamente diffusa App per il messaging diretto!

Ultimamente prevale sempre di più l’idea di utilizzare questa App per azioni di direct marketing: la sua diffusione, la sua immediatezza e l’essere gratuita attirano sempre di più!

Ma, a parte i limiti del sistema che realmente piazzano le azioni esclusivamente (non che sia poco) alla fidelizzazione della clientela acquisita, bisogna anche essere cauti nell’utilizzo.

Di seguito vi segnalo un Case History accadutomi proprio ieri sera.

whatsapp

Ieri sera, notasi anche l’ora tarda 23:30 circa, comincia ad arrivvare sul mio smartphone una tempesta di avvisi su WhatsApp…

Incuriosito, ma forse più scocciato per i continui “din” scopro, con sorpresa ed amarezza, quello che stava accadendo:

Il presidente di un’azienda che gestisce un business in franchising discretamente avviato, ovviamente non farò nomi di persone e/o brand, ha avuto la geniale idea di creare un gruppo, nominandolo “K” (chissàperchè poi…) inserendo dentro oltre 100 contatti dalla sua rubrica… si è scatenato l’inferno!

Messaggi di risposta estremamente alterati, insulti, cancellazioni dal gruppo, richieste di spiegazioni, ecc. Qualcuno è poi riuscito a identificare l’azienda… AHI AHI AHI!!!

Stamattina poi un commerciale mi contatta scusandosi e dicendo di non saperne nulla: il presidente infatti aveva caricato la rubrica, era uscito dal gruppo nominando il commerciale amministratore del gruppo “K”… genialata!

MORALE: un boomerang incredibile! Professionisti a vario titolo e nominativi di potenziali affiliati al loro franchising erano, e sono, incazzati, hanno parlato male del brand (e continueranno a farlo).

In un attimo hanno perso credibilità personale e aziendale!

Come se non bastasse WhatsApp, e questo è un grossisimo limite, permette in automatico la visualizzazione dei numeri di cellulare dei membri presenti nei gruppi… anche se tra loro non si conoscono: quindi una diffusione non autorizzata di dati di contatto!

Volete utilizzare WhatsApp per le vostre campagne di direct marketing e fidelizzazione?

Fatelo! E’ una buona/ottima soluzione… ma fatelo con intelligenza e accortezza!

 
Commenti disabilitati su WhatsApp e Direct Marketing: ottimo ma… Case Hystory!

Pubblicato da su 3 marzo 2015 in Direct Marketing, Fidelizzazione, Guerrilla Marketing, Marketing, Marketing Virale, Social Network, Startup

 

Tag: , , , , ,

Cappuccetto Rosso e il Marketing del Lupo Cattivo


Chi più chi meno conosciamo tutti la famosa fiaba di Cappuccetto Rosso:

un’innocente ed ingenua bambina che si inoltra all’interno del bosco e viene adescata dal Lupo Cattivo…

Cappuccetto rosso

E se provassimo a paragonare la fiaba alle strategie ed operazioni di marketing?

Il Lupo quando vede Cappuccetto Rosso, all’interno del bosco, avrebbe da subito la possibilità di “ingoiare in un sol boccone” la sua “preda” ma adotta una tattica d’approccio con due soluzioni (furbastro cattivone):

         verifica la possibilità di poter prendere più piccioni (clienti) con una fava; quindi inizia a parlare, invoglia e circuisce, con atteggiamento buonista, la preda (prezzi, sconti, promesse, ecc.).

A quel punto, avendo ottenuto le informazioni utili, capisce che ha la possibilità di ottenere di più e, quindi, rinuncia alla preda facile ed immediata per fare il pienone.

Corre a casa della nonna…la ingoia in un sol boccone… si traveste da nonnina e si infila dentro il letto attendendo l’arrivo di Cappuccetto Rosso!

Lei, Capuccetto Rosso, per quanto ingenua, capisce che qualcosa “non torna” e fa le sua domande… alla fine il Lupo si svela è la ingoia!

Soddisfatto e sazio del veloce pasto si addormenta…

Molte aziende applicano strategie, tattiche e d operatività stile “Lupo Cattivo”, ovvero:

  • attirano le prede (i clienti)
  • magari applicano azioni immediate (tipo 2×1)
  • si saziano (vendita singola immediata)

…per poi assopirsi!

Lupo cattivo Marketing

Tralasciando, quindi, tutte le azioni necessarie per far si che il cliente venga fidelizzato e continui ad acquistare nel tempo!

Queste aziende dovrebbero però tenere in mente quel che succede nel proseguo della fiaba:

Il Lupo Cattivo (assopito, sazio e soddisfatto) viene abbattuto dal taglialegna che libera Cappuccetto Rosso e la nonnina.

MORALE DELLA STORIA:

Se come azienda applichi strategie, tattiche ed operatività mirate alla vendita immediata, al far subito cassa, non tralasciare mai le fondamentali azioni di fidelizzazione mirate ai clienti… e, soprattutto, non sentirti MAI sazio e non assopirti… altrimenti arriverà presto un taglialegna (azienda competitor) che ti abbatterà prendendosi i tuoi clienti!

 

 
Commenti disabilitati su Cappuccetto Rosso e il Marketing del Lupo Cattivo

Pubblicato da su 25 febbraio 2014 in Direct Marketing, Fidelizzazione, Marketing, Marketing Territoriale, News, Social Network, Startup

 

Tag: , , , , , ,

Raccolta Punti Cartacea VS Fidelity Card Personalizzata Multifunzionale


Nell’ambito della fidelizzazione esistono due tipologie primarie di Raccolta Punti

–         la raccolta punti cartacea (a bollini e/o timbri)

–         la Raccolta Punti tramite Fidelity Card Personalizzata Multifunzione

Le differenze, tanto in termini di risultati che di costi oltre che di immagine sono enormi.

La raccolta a “bollini” produce risultati apprezzabili ( i clienti la sfruttano) ma a lungo andare mostra tutte le lacune del caso (non sempre ma spesso), ovvero

–         costi elevati: oltre i costo iniziale per acquistare bollini, premi e quant’altro vi sono costi ripetuti ovvero le ricariche di “bollini” da acquistare per mantenere attivo il circuito

–         basso livello d’immagine: che siano circuiti organizzati e gestiti da società terze o realizzati dal singolo negoziante spesso l’immagine che passa al cliente è quella del fai-da-te… inoltre se si aderisce ad un circuito si perde la possibilità di imporre e far conoscere il proprio marchio

–         limitazione funzionale: con questo sistema puoi fare solo Raccolta Punti e nulla più

–         impossibilità di disporre in unica soluzione tecnica di un CRM professionale di proprietà che permetta di gestire i clienti, analizzare l’andamento delle campagne, comunicare con i clienti, ecc.

–         spesso nei circuiti gestiti da terzi si perde la possibilità di avere a disposizione come titolarità il Data Base clienti, ovvero i dati dei tuoi clienti li acquisisce la ditta che gestisce il circuito e se vorrai effettuare promozioni e comunicazione verso i Tuoi clienti e verso tutti quelli registrati al circuito dovrai “pagare” per il servizio di invio ma senza disporre a tuo piacimento dei dati

Fidelity Card Personalizzate...la soluzione!

La Raccolta Punti tramite Fidelity Card Personalizzate Multifunzione produce invece opportunità continue e flessibilità d’utilizzo estremo.

–         il costo è medio-alto in origine perché prevede il realizzo delle Card personalizzate, a volte l’acquisto di pos dedicati e l’attivazione del CRM; ma finita la fase d’acquisto normalmente l’unico costo si limita ad un centinaio di euro o poco più ad anno; questo sistema spesso, infatti, NON prevede alcun costo/punto e quindi non necessità di continue e ripetute ricariche di punti

–         le Card personalizzate permettono al cliente di riconoscere immediatamente il brand del negozio/attività e di diffonderlo grazie alla portabilità (la Card il cliente la porta con se…la scheda punti NO; il cliente fidelizzato mostra con orgoglio agli amici la Card…la tessera punti NO)

–         altro vantaggio FONDAMENTALE è che con le Fidelity Card personalizzate Multifunzione è possibile gestire in autonomia, anche contemporaneamente, più azioni oltre la raccolta punti, ad esempio il Borsellino Elettronico, le Gift Card o carte regalo, le Carte Prepagate…insomma con una sola card sarà possibile applicare tantissime strategie anche contemporaneamente

–         le Card vengono associate a sistemi di lettura (POS o lettori ottici) ed al CRM legato all’azienda…questo permette di automatizzare tutte le azioni senza dover distribuire bollini, gestire il proprio Data Base clienti e quindi di poter comunicare con i propri clienti come e quando necessario senza dover chiedere permesso e pagare soldi…i clienti sono i TUOI e SOLO TUOI!

 Se dovessi suggerirvi io il sistema?

SENZA DUBBIO le FIDELITY CARD PERSONALIZZATE… maggiore sicurezza, maggiore profitto, maggiori azioni applicabili, meno spese ripetute nel tempo, più professionalità, più pubblicità….

MEGLIO SPENDERE un minimo in più la prima volta che spendere poco subito e trovarsi a dover continuamente spendere per mantenere attivo il sistema!

 Le aziende che gestiscono i circuiti affermano: il vantaggio è quello di poter acquisire nuovi clienti…tutti quelli che fanno parte del circuito! Vero…potenzialmente!

Ma ricordate sempre un particolare… Fidelizzare e mantenere fidelizzato un vostro cliente acquisito costa 20 volte di meno rispetto ai tentativi di “prendere” un nuovo cliente e fattura circa il 45% in più rispetto a nuovi clienti occasionali…

Quindi che dite è più importante e conveniente investire denaro e tempo per fidelizzare e mantenere fidelizzati i propri clienti o scommettere per provare ad acquisire nuovi “potenziali” clienti?

Per saperne di più visitate www.dmsmarketing.it/fidelity-card.html 

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Ecco il tuo Coupon…usalo!


La D.M.S. mette a disposizione di tutti i lettori del nostro blog un esclusivo Coupon.

Per sfruttarlo basta salvare l’immagine ed inviarla via mail con tutti i dati richiesti. Vi attiveremo in modo totalmente gratuito (nessun costo attivazione, nessun canone, nessun vincolo d’acuisto o consumo) una piattaforma professionale per inviare sms/mms personalizzati.

Oltre questo vi forniremo due ulteriori Coupon personalizzati utilizzabili per sconti su siti web e sistema Fidelity Card personalizzate. Questi Coupon potrete anche regalarli a vostri conoscenti che potranno quindi godere dell’offerta.

Invia il Tuo Coupon ed attivati!

Invia il Tuo Coupon ed attivati!

 
Commenti disabilitati su Ecco il tuo Coupon…usalo!

Pubblicato da su 3 aprile 2013 in Direct Marketing, Marketing, News, sms marketing, Social Network, Startup

 

Tag: , , , , , , , ,

Il Gioco al MASSACRO degli esercenti!


Tempo di crisi…tempo in cui tutte le realtà aziendali stringono i denti per ridurre le perdite ed alcune anche per scongiurare la chiusura.

Proprio in periodo di crisi gli esercenti dovrebbero agire con oculatezza nel fare scelte commerciali e strategiche mirate quanto meno a mantenere i fatturati standard ma anche ad aprire nuove occasioni che possano, se non subito, ampliare ed amplificare gli incassi finito il periodo buio.

Ma la realtà è diffusamente un’altra: la maggioranza degli esercenti (che spesso denotano di non essere imprenditori per vocazione!) non investe neanche le minime cifre ed energie in azioni migliorative, non attua politiche di fidelizzazione e comunicazione…ma cosa ancor più grave si lascia trascinare al Gioco del MASSACRO…ovvero ritiene che l’unica strada per “mantenere” mercato e fatturato (minimo) sia quella di abbattere i prezzi (spesso facendo promo su promo, sconti su sconti, ecc.)…e magari solo perché “gli altri lo fanno” o perché vedono fare questo alle grosse catene in franchising presso i grossi centri commerciali.

Tralasciamo le motivazioni delle catene in franchising nei centri commerciali…queste esulano da molte delle motivazioni “generiche” essendo inserite in contesti particolari ed essendo gestite in modo totalmente diverso da quanto potrebbero fare le semplici imprese piccole o medie che siano!

 

Gli esercenti “locali” dovrebbero ragionare in modo molto diverso e valutare ancor prima di “seguire” gli altri se quella strategia ha senso!

  • Ovvero: fare sconti su sconti….combattere il competitor con le sua stesse armi…a cosa potrebbe portare? Si avrà realmente un aumento di fatturato? E quanti “pezzi” bisognerebbe vendere affinché il fatturato sia mantenuto considerando il ribasso applicato?

E togliendo questo un’altra domanda dovrebbe essere: e questa operazione a quali conseguenze future mi porterà finita la crisi o se la crisi dovesse continuare?

…potrei continuare ancora a lungo!

Tante le domande che bisognerebbe porsi prima di “seguire” gli altri.

La storia insegna che esistono moltissimi casi che dimostrano come alcune aziende sono riuscite proprio nei periodi di crisi a crescere ed esplodere (in senso positivo) proprio per non aver seguito i competitor. Come?

Semplice…non modificando e non svendendo i loro prodotti ma facendo Comunicazione e Fidelizzazione.

  • Comunicando ai loro clienti ed ai potenziali tali che i loro prodotti hanno un vantaggio, un plus…fornendo spiegazioni dettagliate, pubblicizzando in modo corretto, investendo tempo e capitali in marketing e strumenti di comunicazione efficaci.
  • Fidelizzando la propria clientela con azioni specifiche, migliorando i propri spazi espositivi, facendo sentire i clienti “Parte Attiva” di una realtà.

 

In una parola

DIFFERENZIANDOSI!!!

 

L’unico segreto è questo: ogni realtà aziendale è unica ed insostituibile; possiede sempre una caratteristica che la differenzierà dalle altre ma sta all’esercente farla conoscere e darle il valore aggiunto.

E se non si ha l’obiettività o le competenze per farlo bisogna investire in consulenze e strumenti per fare emergere queste differenze…il fai-da-te porta al Gioco al MASSACRO…i professionisti ti aiutano ad emergere.

 

Tu sei “omologato” e segui a testa bassa

o vuoi fare la DIFFERENZA?

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

80/20: Il Rapporto Magico!


 

Spesso si sente parlare del “Rapporto 80/20” come se fosse una panacea. Ma non tutti sanno cos’è e cosa rappresenta nelle strategie del Marketing con la conseguenza di sprecare tempo e denaro con strategie che portano a risultati scarsi o nulli.

 

Soprattutto in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo tutte le aziende, le attività commerciali e le attività che comunque attingono le risorse per la loro sopravvivenza da clienti/affiliati dovrebbero applicare ed indirizzare le loro strategie su questo fondamentale!

 

80/20

 

La statistica insegna che l’80% del fatturato di qualsiasi attività deriva da 20% della clientela della stessa!

 

 

Quindi dalla clientela fidelizzata!

Ma attenzione : un cliente fidelizzato, che quindi torna spesso a “spendere” in un Punto Vendita, non significa che lo sarà per sempre!

 

Ed è proprio qui, e soprattutto in questo contesto che stiamo vivendo, che bisogna agire indirizzando come priorità del Marketing, della Comunicazione e della Pubblicità le azioni verso quel 20% che crea il reddito…e bisogna farlo in modo programmato, costante, con le giuste strategie e con i giusti mezzi!

 

Il restante 80% della clientela (che produce solo il 20% del fatturato) deve essere curato e bisogna cercare di portarlo alla fidelizzazione…ma la priorità assoluta deve essere quella di far si che il 20% già fidelizzato continui ad esserlo!

 

Quali strategie e quali strumenti utilizzare?

 

Le varianti e le possibilità sarebbero infinite e necessariamente devono essere contestualizzate.

Tutto non và bene per tutti.

Come linea di massima potremmo indicare :

  • Carte Fedeltà e Raccolta punti.

  • Borsellino elettronico

  • Sms Marketing

  • E-Mail Marketing

  • Coupon dedicati

 

Quindi tutto quello che sposta l’attenzione della comunicazione verso la clientela fidelizzata e che porta la percezione della azienda, da parte del cliente, al primo posto nei suoi pensieri deve essere applicato per massimizzare i fatturati!

Se un’azienda fa percepire al proprio cliente che “LUI” è importante, che l’azienda lo conosce e che per “LUI” è riservato un trattamento speciale sarà allora più probabile che l’azienda sarà al primo posto nell’immaginario del cliente quando avrà bisogno dei beni e dei servizi dell’azienda stessa.

Quali sono le vostre esperienze in ambito Fidelizzazione?

 

Tag: , , , , , , , , , , ,