RSS

Twitter e marketing online: come fare pubblicità e se conviene fare comunicazione a 140 caratteri anche in Italia.

08 Feb

La popolarità di Twitter è in aumento non solo in USA ma anche nel nostro paese. Crescono i modi per fare pubblicità e comunicare.

Twitter in Italia viene poco considerato, mentre negli USA essere presenti sui social media non significa solo Facebook ma anche e soprattutto Twitter.

L’analisi delle nuove potenzialità dell’uccellino parte da questo efficace post di Luca Mondini che rilancia un’analisi informatica della composizione di un tweet, pubblicata da uno degli sviluppatori. Sostanzialmente l’idea è quella che queste brevi informazioni di 140 caratteri a breve “porteranno con sé” anche altro, e questo altro potrebbe “portare con sé” del fresco denaro per i creatori di Twitter, ad oggi il più interessante e al tempo stesso meno remunerativo dei social network. Non stupiamoci se il leggere (su style di agosto) il nome del fondatore di facebook tra gli scapoli d’oro con 25 anni e 3 miliardi di dollari di patrimonio ha creato qualche invidia nel Twitter boys che passano ora al contrattacco 🙂

Attraverso Wired proviamo a fare il punto della situazione sulle possibilità di guadagno di Twitter e sulle novità che a breve lo coinvolgeranno:

1) Annotations: a breve sarà possibile aggiungere dall’esterno dei metadati ai tweet che si propone quindi come vera e propria piattaforma di condivisione a 360° (qui l’annuncio)

2) Earlybid: si tratta di un utente che conta oltre 200.000 followers e propone offerte esclusive con la logica dei private outlet (ricordo da SaldiPrivati a PrivateOutlet a Vente Privee) twitter incassa percentuali sulle vendite

3) Micropagamenti: tempo fa (era il 2008) si parlò dei micropagamenti via twitter come una grande innovazione, il servizio twitpay.me non sembra in realtà mai decollato 😦

4) Promoted Tweets: ben più strutturata sembra l’idea dei promoted tweets, un sistema di keyword advertising piuttosto sensato che permette agli utenti di visualizzare contenuti promozionali legati alle parole chiave di interesse. Ad addolcire la pillola la possibilità di “guadagnare sui propri followers” con RevTwt, proprio come il circuito AdSense di Google permette di fare ai publishers.

Il fare comunicazione a 140 caratteri sta avendo sempre più successo anche qui in Italia, dove all’inizio non veniva preso in grande considerazione,  ma è forse grazie alla brevità del tweet che molte aziende intravedono prospettive di guadagno anche a livello di marketing online.

Considerando le ultime trasformazioni e il lancio di nuovi servizi, tra cui la possibilità di scrivere tweet con il proprio telefono, Twitter viene dato sempre più in crescita (solo nel 2009 +1300%, dati Nielsen) non solo in USA ma anche in Europa. Google gli sta riservando sempre più importanza nel posizionamento degli algoritmi (negli ultimi 3 mesi), questo è un dato fondamentale che permetterà a Twitter di crescere anche nel campo della pubblicità e avere un maggiore utilizzo anche in Italia.

Fonte : www.businessonline.it

Link :  Clicca Qui

Annunci
 
4 commenti

Pubblicato da su 8 febbraio 2012 in Direct Marketing, Marketing, News

 

Tag: , , , ,

4 risposte a “Twitter e marketing online: come fare pubblicità e se conviene fare comunicazione a 140 caratteri anche in Italia.

  1. icittadiniprimaditutto

    8 febbraio 2012 at 22:08

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     
  2. Creastetoinna

    28 maggio 2012 at 11:11

    Thanks for the excellent posts. I have been following you for a while on my rss reader, thought i would make the effort to say THANK YOU today.

     
  3. DofWoodayfrot

    1 giugno 2012 at 04:53

    Keeping a fresh blog is challenging and extremely tiresome. You have pulled it off well though.

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: